Fondazione Cassa di Risparmio di Fano

Attività di ricerca e studio di beni archeologici del Museo “A. Vernarecci” di Fossombrone

Galleria fotografica

Vedute frontale e laterali del trapezoforo a forma di zampa ferina con protome di leone

(Fig. 1) Vedute frontale e laterali del trapezoforo a forma di zampa ferina con protome di leone
Inv. n. 101. Da Forum Sempronii.
Marmo; h cm 32, largh. cm 16.
II secolo d.C.

Il frammento costituisce parte di un trapezoforo a forma di possente zampa ferina che, dopo l’articolazione del ginocchio, viene avvolta da una corona di foglie di acanto da cui emerge una protome di leone, la quale è configurata con le fauci spalancate e la mandibola aderente al petto. Manca l’artiglio e la parte anteriore del muso, comprensiva del naso. Gli occhi sono tondi, forse in origine dipinti. Non sono conservate zanne all’interno della bocca. La criniera è resa a ciuffi separati in ciocche regolari. È perduto quasi interamente il pilastrino di fissaggio che si innestava dietro il collo dell’animale, ma se ne vede ancora la sede di alloggiamento. Sul retro è presente un foro con residui di ferro (cfr. Deonna, Le mobilier délien, pag. 45, fig. 65, pag. 47, figg. 67-68, tav. XX, nn. 141-145, part. 144; Richter, The furniture, nn. 572, 577).

Vedute frontale e laterali del secondo trapezoforo, in tutto simile al precedente

(Fig. 2) Vedute frontale e laterali del secondo trapezoforo, in tutto simile al precedente
Inv. n. Inedito. Da Forum Sempronii.
Marmo; h cm 31, largh. cm 15.
II secolo d.C.

In tutto simile al frammento precedente, rispetto al quale è stato trovato in  un momento successivo. Anche la rottura in basso è avvenuta alla stessa altezza. La parte anteriore della protome ferina risulta peggio conservata di quello, poiché è quasi completamente rotta. Inoltre parte del frammento è coperta da incrostazioni di malta. Conservato in parte l’occhio sinistro, tondo e leggermente infossato, mentre è perduto l’altro. La bocca è semi-aperta, ma senza zanne conservate. Nulla resta della parte prominente del muso e dell’artiglio. Dietro la testa dell’animale è visibile l’alloggiamento del pilastrino di fissaggio.

I due trapezofori a forma di zampa ferina con protome di leone posti uno accanto all’altro

(Fig. 3) I due trapezofori a forma di zampa ferina con protome di leone posti uno accanto all’altro

Questi due frammenti di trapezoforo, simili tra loro, sono identificabili come sostegni di delphica (tavolo tondo), forse appartenenti addirittura allo stesso tavolo, vista la loro somiglianza.

Esempio di trapezofori di delphica, mancante solo del piano di appoggio superiore

(Fig. 4) Esempio di trapezofori di delphica, mancante solo del piano di appoggio superiore. Si notino la traversa che unisce le tre gambe e i pilastrini, uno sopra ciascuna testa leonina che fungevano da piano d’appoggio per la lastra circolare (da Pompei, Pitture e mosaici, I, Regio I, parte prima, p. 367)

In questo tipo di tavolo i sostegni raffigurati come protome di fiera erano spesso uniti tra loro per mezzo di una traversa che assicurava maggior stabilità. Questa era dotata di tre bracci desinenti in un tenone, infilato in una mortasa ricavata alla base del pilastrino di sostegno nella parte posteriore del trapezoforo e fissato con perni metallici. Tracce di questi perni metallici sono conservate anche nei due trapezofori trovati nel territorio di Forum Sempronii.

Le delphicae venivano impiegate nei triclinia, dove erano utilizzate per sostenere il vasellame da mensa, nei giardini, tra due colonne del peristilio con funzione decorativa, negli ambienti attorno al cortile, e sotto il compluvio.

Trapezoforo a forma di artiglio di uccello rapace, poggiante su base

(Fig. 5) Frammento di trapezoforo in marmo
Inv. n. 104. Provenienza ignota.
Marmo. H cm 21; largh. cm 20. base di cm 21x9,5. sp. 2,5.
Prima età imperiale.

Zampa ferina ben lavorata, poggiante su di una piccola base. A forma di artiglio di uccello rapace con ossi prominenti e ben visibili sotto la pelle. Costituiva la parte terminale di un supporto di tavolo rettangolare a tre o quattro gambe (cfr. Deonna, Le mobilier délien, pag. 24, fig. 24, nn. 2-4; tav. XI, n. 83; Richter, The furniture, n. 574).

Gamba di tavolo realizzata a mo’ di zampa ferina, coperta da foglie e motivi vegetali

(Fig. 6) Frammento di trapezoforo in marmo
Inv. n. inedito. Provenienza ignota.
Marmo. H cm 30.
Prima età imperiale

Gamba teriomorfa, coperta di motivi floreali, curva nella parte alta, descrivente un semicerchio, e diritta in basso. Sono visibili nella parte posteriore resti di perni in ferro e in alto l’appoggio per il pilastrino su cui insisteva il tavolo. Utilizzata in tavoli rotondi. I prototipi sono databili all’inizio del I sec. a.C. (Deonna, Le mobilier délien, pag. 44, fig. 62).

Vedute frontali e laterali del frammento statuario con protome ferina

(Fig. 7) Frammento di trapezoforo in marmo
Inv. n. 100. Provenienza ignota.
Marmo. H cm 32.
II secolo d.C.

Si tratta di una testa, forse di leone, sbocciante da un motivo floreale. Gli occhi sono piccoli e tondi. Manca l’artiglio; dietro la testa dell’animale in alto è conservato in parte il pilastrino di fissaggio su cui poggiava la lastra del tavolo. Nella parte posteriore, in corrispondenza del punto di innesto della testa sul motivo floreale è visibile la porzione terminale del braccio della traversa che assicurava maggiore stabilità al tavolo. Il muso dell’animale, privo della parte anteriore, è attraversato da un foro circolare creato probabilmente per far passare un getto di acqua, cosa che farebbe presupporre una destinazione dell’opera a decorazione di fontana, forse in una seconda fase d’uso.

Gamba nuda con ginocchio piegato, poggiante su un oggetto non identificabile, sul quale è visibile un foro circolare che lo attraversa da parte a parte

(Fig. 8) Frammento statuario. Elemento decorativo di fontana?
Inv. n. 99. Da Forum Sempronii.
Marmo. H cm 18

Piccolo frammento di gamba nuda con ginocchio piegato e poggiante su di un oggetto o animale non riconoscibile, attraversato da un foro rotondo che fa propendere per una identificazione del frammento come elemento decorativo di fontana. Nella coscia è infisso un lungo perno in ferro.

Comunicazione istituzionale

Conoscere la Fondazione 2014
Reportage fotografico sull'attività erogativa della Fondazione nel periodo 2004 - 2013
(formato pdf - Mb 7,6)

Le Fondazioni: un immenso bene italiano
Campagna di comunicazione a cura di ACRI con la collaborazione di Pubblicità Progresso

Realizzazioni recenti

Scuola dell'infanzia 'Il Piccolo Principe'
Una nuova scuola dell'infanzia con una capienza massima di 120 bambini. A Lucrezia di Cartoceto

Museo Etnico Bagnaresi
Una preziosa e unica collezione di opere d’arte, artigianato e di interesse multietnico provenienti da tutti i continenti (Ingresso gratuito tutto l'anno con prenotazione presso la Fondazione)

SISTEMA MUSEALE
DI PALAZZO BRACCI PAGANI

Il Palazzo storico dedicato ad ospitare una struttura polivalente e moderna per finalità artistiche e scientifiche

Fondazione Cassa di Risparmio di Fano
Via Montevecchio n. 114 - 61032 FANO (PU)
Tel. 39 0721 802885 - Fax 39 0721 827726
E-mail: / PEC:
C. F. 90008180417