GUERCINO A FANO
tra presenza e assenza

 

Guercino a Fano - tra presenza e assenza / Fano, Pinacoteca San Domenico, 7.5 - 1.10.2011
Guercino a Fano - tra presenza e assenza / Fano, Pinacoteca San Domenico, 7.5 - 1.10.2011
Guercino a Fano - tra presenza e assenza / Fano, Pinacoteca San Domenico, 7.5 - 1.10.2011
Guercino a Fano - tra presenza e assenza / Fano, Pinacoteca San Domenico, 7.5 - 1.10.2011
Guercino a Fano - tra presenza e assenza / Fano, Pinacoteca San Domenico, 7.5 - 1.10.2011

L’evento 'Guercino a Fano - tra presenza e assenza', voluto e realizzato sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Fano, con il coordinamento scientifico della Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici delle Marche, della Provincia di Pesaro e Urbino, del Comune di Fano e della Curia Vescovile di Fano con il patrocinio della Regione Marche, acquista ancor più valore se si considera che una delle tre opere, il San Giovanni Battista alla Fonte, è tornata a Fano dalla Francia (Museo Fabre di Montpellier), dopo la requisizione napoleonica del 1797.

Tra la primavera e l’estate del 2011 (dal 7 maggio al 7 ottobre) i dipinti del Guercino — Lo sposalizio della Vergine (già a San Domenico perché di proprietà della Fondazione), l’Angelo Custode (esposto alla Pinacoteca Civica anche se di proprietà della Curia) e il citato San Giovanni Battista al fonte — sono rimasti esposti, eccezionalmente riuniti, nella Pinacoteca San Domenico.

L’evento si è arricchito di iniziative culturali a latere, costituite da concerti, convegni, ecc.

Le tre opere — datate 1641 (Sposalizio), 1648 (Angelo custode) e 1661 (San Giovanni) — sono espressione della maturità del pittore e dimostrano come la sua vena artistica sia rimasta intatta fino alla fine.

Coordinatrice dell’evento e curatrice del catalogo è stata la Dott.ssa Maria Rosaria Valazzi della Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici delle Marche di Urbino.

Hanno partecipato con propri contributi alla redazione del volume specialisti e storici dell’arte con presentazione del Prof. Andrea Emiliani, noto esperto e critico d'arte, direttore dell'Accademia Clementina di Bologna.

Alla mostra vera e propria che si è tenuta alla Pinacoteca San Domenico, via Arco d'Augusto, si è affiancato un itinerario del Seicento fanese che da San Domenico conduceva alla vicina Cattedrale con le Storie della Vergine del Domenichino, con la grande tela Il Paradiso e l’Assunta di Andrea Lilli. Sempre nella stessa Cattedrale, una Vergine in Gloria con i Santi Vescovi Orso ed Eusebio di Ludovico Carracci e Sant’Antonio Abate, San Francesco e Dio Padre di Bartolomeo Giangolini. Nella Pinacoteca Civica Malatestiana attigua alla Pinacoteca San Domenico si è potuto ammirare, oltre a varie preziose tele, la splendida Annunciazione di Guido Reni commissionata per la chiesa barocca di San Pietro in Valle

Sotto l'Alto Patronato
del Presidente della Repubblica

Fondazione Cassa di Risparmio di Fano
Direzione Regionale e Soprintendenza per le Marche
Musée Fabre - Montpellier Agglomération
Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola
Regione Marche
Provincia di Pesaro e Urbino
Comune di Fano

Guercino a Fano - tra presenza e assenza

7 maggio - 7 ottobre 2011

Fano, Pinacoteca San Domenico
tutti i giorni escluso il lunedì dalle 18,00 alle 22,00

Itinerario del Seicento fanese

Cattedrale e Basilica di San Paterniano:
tutti i giorni esclusi i festivi dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 16,00 alle 18,00

Pinacoteca Civica Malatestiana:
tutti i giorni escluso il lunedì dalle 18,00 alle 20,00

Ingresso libero presso tutte le sedi espositive

Risorse correlate