Introduzione

La Fondazione Cassa di Risparmio di Fano è una persona giuridica privata a base associativa, senza fini di lucro, che deriva idealmente dalla Cassa di Risparmio di Fano istituita il 14 gennaio 1843, dopo il conferimento dell’azienda bancaria effettuato il 1° luglio 1992 ai sensi della Legge 30 luglio 1990 n. 218.

La Fondazione ha sede in Fano Via Montevecchio n. 114 ed ha durata illimitata.

La Fondazione persegue scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico del territorio, prevalentemente quello dove ha storicamente operato la Cassa di Risparmio di Fano, nel rispetto delle tradizioni originarie.

Per il triennio 2014 - 2016 è impegnata nei settori dell’"Arte, attività e beni culturali", "Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa", "Educazione, istruzione e formazione", "Famiglia e valori connessi", "Assistenza agli anziani", "Protezione e qualità ambientale" e "Volontariato, filantropia e beneficenza". La Fondazione è attualmente impegnata nel recupero di due importanti edifici storici situati il primo nel Comune di Saltara ed il secondo nel Centro Storico del Comune di Fano.

A Saltara la Fondazione sta recuperando la ex Chiesa di Santa Maria del Gonfalone, caduta - dopo molti anni di abbandono - in un grave declino con crollo di parte del tetto e danni irreversibili agli apparati decorativi interni. Il monumento è stato interamente recuperato e dal mese di marzo 2014 verrà riaperto e dato in gestione al Comune di Saltara per destinarlo ad attività socio-culturali e di interesse locale.

A Fano sta procedendo il recupero funzionale, per stati di avanzamento lavori, del Palazzo Bracci-Pagani, ubicato lungo il corso cittadino, all'interno del quale verranno ospitate attività di interesse culturale di varia natura, con particolare riferimento alla conservazione del ricco patrimonio, non solo artistico, del territorio attraverso la realizzazione di un museo e sala espositiva di arte contemporanea e di una biblioteca specialistica in storia della ceramica (donazione Bojani). E’ stato già attuato il trasferimento, in un’ala al secondo piano del palazzo, del Circolo Culturale “Castellani” che avrà a disposizione anche alcuni spazi espositivi. Sarà infine riservato un apposito spazio per ricordale il celebre attore drammatico Ruggero Ruggeri, nato oltre 100 anni fa proprio in questo palazzo, con l’allestimento di un’aula “dedicata”.

Settore Arte, attività e beni culturali

Pinacoteca San Domenico - Fano

Oggetto dell'intervento sono stati, dopo l'acquisto, il restauro della monumentale Chiesa di San Domenico, nel centro di Fano, e la sua successiva destinazione a pinacoteca di arte sacra in cui hanno trovato collocazione molte delle opere d'arte già in possesso della Fondazione nonché sette tele originariamente ospitate nella chiesa predetta che nel corso degli anni erano state sistemate altrove.

L'operazione, che ha visto i lavori di ripristino concludersi nell'arco di poco più di sei mesi, ha avuto il suo culmine nella inaugurazione, tenutasi il 10 luglio 2007, avvenuta alla presenza del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, nonché Vice Presidente del Consiglio dei Ministri, On.le Francesco Rutelli.

L'iniziativa riveste notevole importanza per la città di Fano se si considera che l'edificio era rimasto chiuso alla comunità da oltre sessant'anni. La nuova Pinacoteca viene tenuta aperta per visite programmate per tutto l'anno, ad eccezione di una breve chiusura nel periodo invernale. Nel corso delle aperture di una intera annualità la Pinacoteca registra la presenza media di oltre 15.000 visitatori. Il museo dispone di un sistema di audioguide in quattro lingue, completamente gratuito, e mette a disposizione di tutti gli ospiti un dépliant di taglio turistico (sull'edificio e i capolavori ivi custoditi) facente parte della collana di opuscoli sulle chiese storiche intitolata 'Le chiese ritrovate', sempre edita dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Fano.

Complesso San Michele - Fano

Un altro progetto di fondamentale importanza è quello del recupero del complesso storico San Michele, nel centro di Fano. La Fondazione Cassa di Risparmio di Fano ha acquistato dal Comune di Fano sia il Palazzo che la Chiesa e ha iniziato i lavori di restauro già nel 2006. L'edificio, inaugurato l'8 dicembre 2008, ospita i corsi di laurea dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo che già da diversi anni si svolgono a Fano nelle discipline di Economia Aziendale e Biotecnologie. Dal 2013 sono operativi anche i nuovi laboratori di ricerca che, dopo l'acquisto e il completo restauro di un fabbricato in via Martino da Fano, ora sono integrati al resto della struttura accademica, di modo che insegnamento, ricerca e sperimentazione possano effettuarsi nel medesimo complesso. La Chiesa di S. Michele e l'attigua sala museale dell'Arco d'Augusto restano nella disponibilità della Fondazione per attività di interesse culturale e sociale.

Palazzo Cassi – San Costanzo

Dal maggio 2013 lo storico Palazzo Cassi è tornato ai suoi antichi splendori. Un mirato intervento di recupero ne ha ripristinato la piena funzionalità adeguata ai tempi attuali. Concesso in gestione gratuita al Comune di San Costanzo è stato destinato a centro polivalente per pinacoteca, biblioteca, museo archeologico, con spazi riservati all'associazionismo locale dei comuni di San Costanzo, Mondolfo e Monte Porzio (area sovraccomunale).

Settore Assistenza agli anziani

Nel campo sociale la Fondazione ha realizzato, sempre a Fano in località San Lazzaro, una struttura per anziani (casa-albergo per 10 unità abitative e una residenza per 30 anziani non autosufficienti) affidata in gestione al Comune di Fano, intitolata a Don Paolo Tonucci. La struttura è attiva già dall’inizio del 2009.

Settore Famiglia e valori connessi

In questo settore la Fondazione ha realizzato un’importante iniziativa di largo impegno finanziario che riguarda l’acquisto e il completamento di una struttura socio-sanitaria intitolata a “Don Achille Sanchioni”. La struttura ospita i servizi:
“Dopo di noi”, destinato ai soggetti con disabilità psico-fisiche privi di famiglia o le cui famiglie non sono in grado di gestire;
"Centro Gravi” per l’assistenza ai soggetti con disabilità psico-fisiche gravi.

È stata inaugurata il 2 ottobre 2010 la struttura per l'infanzia (asilo nido e scuola materna) realizzata dalla Fondazione presso il quartiere 'Fano 2' e abilitata ad ospitare 132 bambini (da 0 a 6 anni). L’immobile, costruito tenendo conto dei più moderni criteri per quanto attiene il risparmio energetico e le energie rinnovabili, vanta la classe “A” di consumo energetico. La struttura è stata intitolata al noto pedagogo fanese Giancarlo Gaggìa.

Sono stati completati nel mese di settembre 2013 i lavori per la realizzazione di una struttura per malati di Alzheimer a Fano. La struttura di circa 1500 metri quadrati si compone di un Centro Diurno denominato “Margherita” affidato in gestione gratuita ad una Cooperativa sociale e di un Centro di Auto-Mutuo Aiuto concesso in uso al Comune di Fano. L’intera opera è stata realizzata appositamente per le finalità alle quali è stata destinata e costituisce una struttura di eccellenza nel panorama regionale e nazionale.

Settore Educazione, istruzione e formazione

In questo campo la Fondazione ha ormai da anni preso l’impegno a sostenere le iniziative dell'associazione Fanoateneo sia nel campo della didattica (corsi universitari a Fano: Biotecnologie ed Economia Aziendale) sia nel campo della ricerca scientifica (settore specifico delegato dalla Fondazione alla predetta associazione per garantirle una maggiore incisività, soprattutto nel campo medico per sperimentazioni efficaci e di sicura valenza). Vengono inoltre finanziate 100 borse di studio ad alunni delle penultime classi degli istituti tecnico-professionali di Fano e Fossombrone che nel periodo estivo partecipano a stages presso aziende locali. L’iniziativa è promossa in collaborazione con la Carifano SpA che finanzia altre 100 borse di studio, per un totale di 200 premi erogati a studenti del territorio.

Settore Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa

Per quanto riguarda gli interventi nel delicato settore della Salute prosegue da anni la dotazione degli Ospedali presenti sul territorio di riferimento di apparecchiature sempre più moderne e tecnologicamente all’avanguardia al fine di migliorare la qualità e la funzionalità dei servizi resi ai pazienti. Tra le più importanti attrezzature donate ai vari reparti dell’Ospedale S. Croce di Fano troviamo la TAC multislice a 64 strati, strumentazione per eco-endoscopia con due sistemi a fibre ottiche, emettitore UV-A per cross-linking corneale, ecografi vari di ultima generazione, video fibroscopio operativo, apparecchio pluridisciplinare Piezosurgery, sistema di navigazione chirurgica completo di sistema televisivo ad alta definizione, sistema di analisi vocale, software per lo screening allargato delle malattie rare, sistema Erbe per endoscopia digestiva.

È stata inoltre attivata, presso il reparto di Medicina, una Stroke Unit (per la cura dei pazienti colpiti da Ictus) e un’Area critica dotata di letti con monitor multiparametrici.

Settore Protezione e qualità ambientale

Dal 2005 la Fondazione ha acquistato un'area con annesso lago nella zona umida del fiume Metauro destinati a finalità didattiche, scientifiche e di studio in particolare della fauna e della flora presenti nel territorio. La gestione del complesso è affidata alla Associazione Naturalistica "Argonauta" di Fano. Vengono organizzate da questa Associazione visite guidate, anche per scolaresche (prenotazioni al numero 0721 805211)

Settore Volontariato, filantropia e beneficenza

Il settore vede da anni la Fondazione impegnata nel sostegno delle varie realtà locali (associazioni, comitati, ecc.), contribuendo in maniera importante a mantenere vivo il tessuto sociale del territorio di competenza.

 


Via Montevecchio n. 114 - 61032 FANO (PU)
Tel. 0721 802885 - Fax 0721 827726 - E-mail:
C. F. 90008180417